Assegno di mantenimento irregolare: il pagamento diretto

Il caso

Il caso in questione ha avuto origine dalla richiesta di tutela della moglie alla quale il marito versava l’assegno di mantenimento a singhiozzo.

L’analisi

Dal confronto e dall’analisi approfondita della situazione sono emersi due diversi obiettivi.

  • recuperare il mantenimento arretrato,
  • addivenire ad una stabilizzazione del pagamento dell’assegno.

La strategia

Dopo diversi confronti abbiamo deciso di agire su due fronti:

  • il recupero degli arretrati attraverso un’azione di recupero del credito, cui è seguita l’azione esecutiva;
  • la richiesta al Giudice e l’ottenimento del pagamento diretto dell’assegno di mantenimento alla moglie da parte del datore di lavoro.

Lo strumento

Attraverso il pagamento diretto, previsto per la separazione dall’art. 156 VI comma c.c., è infatti possibile ottenere la corresponsione dell’assegno direttamente dal datore di lavoro del coniuge inadempiente.


Vuoi saperne di più? Scrivimi.

Pubblicato da Martina Lasagna

Avvocato in Genova, membro del Comitato Pari Opportunità dell'Ordine degli Avvocati di Genova, socia A.I.G.A., Il Foro Immobiliare, A.I.A.F. Aiuto i freelance a tutelare il loro lavoro.

2 pensieri riguardo “Assegno di mantenimento irregolare: il pagamento diretto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: